I misteri di Roccascalegna

Di Nicoletta Camilla Travaglini

Roccascalegna è un ridente paesino dell’Abruzzo essa è: “Adagiato lungo le pendici di un colle, ai piedi della “Grande Madre”, la Majella, tra i fiumi Sangro e Aventino, sorge il borgo medioevale di Roccascalegna. Spicca, dominando in tutta la sua maestosità, immerso tra boschi di macchia mediterranea, uliveti e querce, la ieratica sagoma di un magnifico castello costruito su uno sperone di roccia calcarea Tra le tante leggende che aleggiano intorno alla fondazione del borgo, la più famosa di queste racconta che i cittadini di Amnium, città romana fondata intorno al 300 a.C. vicino al fiume Sangro, per sottrarsi alle continue incursioni di pirati e banditi, si trasferirono verso l’interno dando vita a diversi villaggi, tra cui Roccascalegna.

Continua a leggere I misteri di Roccascalegna

I Miracoli Eucaristici   di Lanciano leggende Medioevali?

di Travaglini Nicoletta Camilla

Nelle leggende fiorite intorno al Graal si parla di alcune sue peculiarità tra cui quella che, quando essa è presente sull’altare nel momento solenne della celebrazione dell’Eucarestia, potrebbe tramutare il vino in sangue e l’ostia in carne cosa che ricorda molto da vicino un famoso evento soprannaturale accaduto a Lanciano.  

Continua a leggere I Miracoli Eucaristici   di Lanciano leggende Medioevali?

Il bestiario fantastico di Roccascalegna e dintorni

di Travaglini Nicoletta Camilla

La zoologia fantastica partorisce degli animali che neanche i moderni laboratori di genetica riescono a creare. Essa serve per descrivere animali realmente esistiti e non che la fantasia popolare, attraverso le leggende, ha trasformato in mostri. In ogni caso questi animali mitici e leggendari sono frutto di maledizioni. Essi sono stati inviati, a Roccascalegna e dintorni, per punirne gli abitanti che, ribellatisi alle leggi di Dio o del diavolo, devono subire la presenza di questi mostri.

Continua a leggere Il bestiario fantastico di Roccascalegna e dintorni

I sacri oggetti devozionali di san Domenico di Cocullo

di Andrea Romanazzi

Da sempre l’uomo ha utilizzato nella sua pratica magico-religiosa amuleti e talismani. Essi sono documentati sin dall’età del ferro ed esistono anche numerose rappresentazioni iconiche e letterarie in ambiente cristiano. Sono l’espressione di quella magia semplice e popolare che impiega, come strumenti di difesa, oggetti che, per loro forma, struttura o materia, arricchiti talvolta da formule magiche, ricordano od esprimono un potere divino. Da sempre la protezione delle persone, ma anche di beni materiali e quindi delle proprietà già eventi naturali, catastrofici e metereologici è stata una importante esigenza dell’uomo antico proprio per questo l’arte magica è la stregoneria popolare non poteva esimersi dal cercare di comandare, o almeno attenuare i danni che la natura poteva portare l’uomo. Questo il motivo per la realizzazione di amuleti atti a impedire o ad allontanare la manifestazione di particolari fenomeni naturali e a proteggere persone, cose o animali. In questo approfondimento ci focalizzaremo su un amuleto molto particolare: la Medaglietta di san Domenico festeggiato a Cocullo.

Continua a leggere I sacri oggetti devozionali di san Domenico di Cocullo

Abruzzo misterioso: I Marsi e il rituale dei Serpari

di Andrea Romanazzi

Il primo giovedì di Maggio si svolge, nel borgo di Cocullo, l’interessantissima festa dei serpari, rituale di origini pagane incentrato attorno alla figura di San Domenico.

Continua a leggere Abruzzo misterioso: I Marsi e il rituale dei Serpari