La Magia Rinascimentale

di Pellegrino e Calabria

La magia nel Rinascimento assunse una grande importanza e delle caratteristiche molto diverse da quelle presenti nel Medioevo . Dobbiamo mettere in evidenza che la concezione dell’uomo esistente nel Rinascimento non solo era molto diversa da quella rilevabile nel Medioevo, ma era addirittura antitetica ad essa .

Infatti, nel Rinascimento l’uomo era considerato lo specchio dell’ Universo mentre l’Universo era visto come lo specchio di Dio . In quanto specchio dell’ Universo l’ uomo era considerato in grado di cogliere le segrete corrispondenze esistenti tra l’Universo e Dio . Nel Rinascimento il mago era colui che poteva conoscere questo complesso sistema di corrispondenze che rimandavano al tutto . In sintesi, la magia rinascimentale era una grandiosa costruzione che univa e mescolava neoplatonismo , astrologia ,alchimia , ermetismo ed esoterismo . La conoscenza magica era considerata un modo per raggiungere la perfezione individuale . Nel rinascimento l’uomo era considerato un vero e proprio microcosmo che racchiudeva in sé stesso le caratteristiche principali esistenti nel macrocosmo, ovvero l’ Universo . Per quanto riguarda la concezione dell’ uomo nel Rinascimento dobbiamo dire che essa era caratterizzata da un forte antropocentrismo che in tale periodo storico prese il posto del teocentrismo riscontrabile nel periodo medievale . Per dirla in breve il teocentrismo medievale metteva Dio al centro di tutto e relegava l’uomo in un ruolo marginale in quanto nel Medioevo si insisteva molto sulla miseria della condizione umana . Al contrario nel Rinascimento assistiamo alla rivalutazione del ruolo dell’ uomo dal momento che gli intellettuali del Rinascimento sono orgogliosi di essere uomini e pensano che l’essere umano possa raggiungere traguardi impensabili nel Medioevo . Di conseguenza possiamo dire che il forte antropocentrismo che caratterizza la visione del mondo dell’uomo del Rinascimento è alla base della grande importanza attribuita alla magia in quel periodo storico in quanto per mezzo della magia l’uomo voleva dominare e controllare la natura . Di conseguenza del Rinascimento assistiamo ad una rivalutazione della magia che contiene in sé un mutamento globale della prospettica cosmologica . La prospettiva cosmologica esistente nel Rinascimento è molto diversa da quella esistente nel Medioevo : si passa infatti dalla considerazione di un cosmo astorico, atemporale ,immobile tipica dell’aristotelismo tomistico ,alla concezione di un universo infinito aperto e mutabile le cui forze possono essere catturate e manipolate dall’ uomo per mezzo delle pratiche magiche . Tale concezione dell’ Universo, tipica dell’ uomo rinascimentale si trovava alla base della magia del Rinascimento . Secondo la costruzione simbolica della magia rinascimentale l’azione divina presente nell’ Universo comporta che esso sia animato ed unitario : l’uomo rinascimentale grazie al suo rapporto privilegiato col principio divino universale si considera capace di intervenire nei segreti della natura e attuare per mezzo della magia una manipolazione della realtà . Da quanto abbiamo detto si evince chiaramente la differenza abissale tra la concezione della magia esistente nel Medioevo e quella presente nel Rinascimento ,mentre nel Medioevo gli uomini dotti e i componenti del popolo pensarono che il potere della magia derivasse dal potere residuo dei demoni ( S. Tommaso nella Suma aveva affermato a chiare lettere che chi praticava la magia compiva un’azione idolatrica nei confronti dei demoni ) nel Rinascimento tale concezione medievale, non solo venne abbandonata ma venne addirittura ribaltata completamente . Mentre nel Medioevo tutti indistintamente condannavano la magia considerandola un qualcosa di abominevole ,nel Rinascimento la magia venne considerata il modo privilegiato per perfezionare la natura umana e per permettere agli uomini di raggiungere traguardi non raggiungibili in nessun altro modo . In sintesi, nella concezione della magia rinascimentale troviamo un forte senso di titanismo ragion per cui l’uomo rinascimentale si proponeva l’ambiziosissimo traguardo di perfezionare sé stesso e di dominare e controllare la natura per mezzo della magia . La magia rinascimentale non era praticata dagli uomini del popolo o comunque poco colti, ma al contrario principali intellettuali di quel periodo storico esaltavano la pratica della magia tanto vero che nella magia del Rinascimento troviamo la presenza di conoscenze filosofiche tratte soprattutto dal neoplatonismo, nonché concetti presi dall’astrologia e dall’alchimia. Di conseguenza la magia del Rinascimento era considerata al pari se non superiore alla filosofia alla scienza come era intesa in quel periodo storico. I maghi di quell’epoca storica potevano vantare una vasta e profonda cultura esoterica che proveniva loro dall’esoterismo del mondo classico e dall’ermetismo. In effetti il mago nel Rinascimento era considerato un vero e proprio filosofo che non si limitava a conoscere i segreti della natura e dell’universo, ma voleva utilizzare tale conoscenza per dominare e manipolare le energie presenti nell’Universo. Nel Rinascimento il cosmo era considerato un gigantesco organismo, trattasi della concezione olistica dell’Universo secondo la quale esiste una stretta interdipendenza tra macrocosmo e microcosmo ossia tra universo e uomo. Interessante è la concezione dell’uomo nel periodo rinascimentale considerato dagli intellettuali di quel periodo un vero e proprio microcosmo che racchiudeva in sé stesso le principali caratteristiche del macrocosmo in scala ridotta. Riteniamo opportuno a questo punto dell’articolo dire qualcosa intorno ad Agrippa uno dei più importanti maghi-filosofi del Rinascimento. Agrippa nelle sue opere distingue tre tipi di magia : la magia naturale , la magia celeste e la magia religiosa . Secondo il mago la magia naturale permetteva all’uomo la scoperta dei segreti della natura mentre la magia celeste dava agli esseri umani la capacità di servirsi dell’ influenza degli astri . A sua volta la magia religiosa permetteva all’uomo di dominare gli spiriti sia angelici che demoniaci. Appare evidente che la concezione della magia di Agrippa è totalmente compatibile con quella presente nella Bibbia che condanna tutte le forme di magia partendo dall’idea che con le pratiche magiche è possibile solamente indurre i demoni ad assecondare i desideri dei maghi . La Bibbia ribadisce a chiare lettere che gli uomini non possono manipolare la volontà degli Angeli se sono sottoposti per loro natura solamente alla volontà di Dio . Di conseguenza le pratiche magiche non hanno nessun potere sugli Angeli . Paracelso un altro autore del Rinascimento sosteneva che esisteva una rete di corrispondenze tra il cosmo e l’uomo ,ragion per cui l’energia psichica della mente non poteva influire sulle forze della natura . Concludiamo tale articolo mettendo in evidenza che i grandi libri della magia rinascimentale si presentano ai nostri occhi come il frutto di una strana mescolanza ai nostri occhi molto sorprendente . Troviamo in uno stesso libro di magia pagine di meccanica e di chimica , ricette di medicina , codificazione di scritture segrete , squarci di metafisica ,riflessioni di teologia nonché riferimenti alla magia egiziana e ai profeti biblici riflessioni di carattere astrologico e riferimenti ai grandi filosofi del medioevo in sintesi, gli autori rinascimentali non percepivano la differenza esistente tra la visione magico astrologica del mondo e la visione cristiana dell’ Universo come pure non pensavano che esistessero barriere tra la magia e la scienza . Esse attribuivano un carattere di eccezionalità alla figura del mago che era considerato un uomo che era giunto a un livello di sapienza che lo rendeva diverso dagli altri uomini e lo faceva vivere su un piano inaccessibile ai profani . Per tale ragione il mago doveva mantenere segreto e riservato il suo sapere la cui eventuale diffusione tra il popolo, poteva avere conseguenze spiacevolissime .

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...